Google ha rilasciato la nuova generazione di Penguin 2.0

Il 23 Maggio del 2013 è stato ufficialmente rilasciato il nuovo aggiornamento di Google Penguin, un ulteriore step per combattere lo spam nei risultati di ricerca di Google (SERP).

Nel blog di Matt Cutts  stato dato l’annuncio ufficiale

“We started rolling out the next generation of the Penguin webspam algorithm this afternoon (May 22, 2013), and the rollout is now complete. About 2.3% of English-US queries are affected to the degree that a regular user might notice. The change has also finished rolling out for other languages world-wide. The scope of Penguin varies by language, e.g. languages with more webspam will see more impact.”

Dovrebbe impattare sul 2,3% delle ricerche in lingua inglese e pare sia attivo anche in Italia. Naturalmente è presto per fare delle previsioni, tuttavia sulle nicchie che seguo non mi sembra ci siano stati dei grossi stravolgimenti.

matt-cutts

E’ probabile che l’aggiornamento sia stato più “soft” anche se la dicitura 2.0 faceva presagire dei grandi stravolgimenti. Per intenderci avevamo notato dei grandi cambiamenti nei risultati quando fu lanciato il primo Penguin il 24 Aprile del 2012.

L’obiettivo è sempre lo stesso : migliorare la qualità dei risultati. Con la politica degli annunci Big G ha ottenuto alcuni risultati :

  1. Un miglioramento sostanziale della qualità degli articoli scritti dai webmaster
  2. Il ricorso anche controproducente all’uso del suo disavow tool non sempre opportuno
  3. Molta confusione nel settore

Le discussioni che leggo nei forum vanno spesso in questa direzione, chi ha avuto dei cali di traffico non sempre è stato colpito dal Penguin ma ci sono tantissimi fattori che possono generare dei crolli. Sicuramente il fattore ansia ha giocato un brutto scherzo a molti.

Migliorare la comunicazione con i webmaster

Google sta facendo molto in termini di comunicazione e di formazione. Ogni settimana vengono praticamente organizzati eventi e webinar dedicati alla formazione ed alla comunicazione. Come ha ammesso lo stesso Cutts stanno cercando di migliorare il rapporto con i webmaster.

In uno degli ultimi hangouts che ho seguito come quello con l’ottimo Giacomo Gnecchi Ruscone che ti riporto qui :

ci sono stati degli ottimi spunti di riflessione anche se non si è data risposta ad alcuni dei problemi sollevati anche nella community di supporto, come il proliferare in serp di siti stagionali o con una link building troppo spinta che continuano ad avere un ranking elevato pur avendo un profilo quantomeno dubbio.

E’ comunque un passo in avanti in termini di chiarezza.

La mancanza di un aggiornamento serio sugli EMD (Exact Match Domain)

Molte delle serp stagionali e non in settori molto competitivi sono dominati da siti di scarsissima qualità e con contenuti assolutamente inutili e irrilevanti per l’utente eppure sono lì da molto tempo. La maggior parte di essi son EMD ovvero domini che hanno nel nome alcune parole chiave per cui si posizionano.

Non so se arriverà a breve un nuovo update in questo senso, quello che è certo è che manca un aggiornamento in questo senso nel mercato italiano.

Per il momento dunque non so se l’aggiornamento del Penguin 2.0 è stato completato, per il momento non ho notato grossi cambiamenti almeno per i settori che seguo.

E voi che ne pensate ?

Scritto da:

Consulente web freelance, ha lavorato per diverse banche italiane e collaborato a vari progetti web. Consulente SEO e di Web marketing.

Comments

  • Seo Mark | 30 maggio 2013 | Rispondi

    Personalmente non ho notato grossi scossoni nelle SERP, il primo penguin 1.0 aveva fatto molti più danni secondo me.

Lascia il tuo commento

(richiesto)

(richiesto)

(richiesto)


Rimani aggiornato ed in contatto con noi